alphabets et chiffres, amputations, art défectueux, banderoles, billets de banque et effets de commerce, cheveux, chiasmage, ecc...
e tutte le altre tecniche

MIROIRS


Come suggerisce la denominazione, i miroirs sono collages arricchiti dalla presenza di specchi; queste strisce riflettenti tagliano diagonalmente, verticalmente o orizzontalmente il piano del collage.
Kolar era molto affascinato dagli specchi, che riteneva una delle testimonianze più vive dell’ingegno umano, “facce del tempo, testimoni senza memoria”.
Gli specchi rotti erano paragonati a citazioni di pensieri, frammenti musicali e schegge di versi. L’artista considerava altrettanto incantevoli gli specchi offuscati dal passaggio del tempo o dal clima.

Tecnica Miroirs - Archivio Jiri Kolar
Il guardiano turco, 1969

Torna alle Tecniche