alphabets et chiffres, amputations, art défectueux, banderoles, billets de banque et effets de commerce, cheveux, chiasmage, ecc...
e tutte le altre tecniche

CHOSES


Le mani industriose di Kolar hanno dato vita a una stravagante progenie di oggetti, ricoperti da collages figurati o rivestimenti di lettere: bottiglie, pitali, mappamondi, pipe, mele, piatti, scarpe, coperchi di pentole, intere batterie di posate e così via.
Foderati di lettere e note questi oggetti sono sottratti alla loro banale dimensione quotidiana, quella dell’utilizzo, che caratterizza però la loro storia e il loro destino. Le cose hanno infatti per Kolar il valore di un messaggio diretto dall’universo della produzione, delle attività umane e degli avvenimenti della vita.
Formalmente questi oggetti restano perfettamente riconoscibili, ma grazie al collage sono sottratti alla reificazione per approdare al mondo dell’unicità tipico delle opere d’arte.

Tecnica Choses - Archivio Jiri Kolar
Un colabrodo rotto, povero colabrodo!, 1970
Tecnica Choses - Archivio Jiri Kolar
Flit, 1970

Torna alle Tecniche